Un mercato in forte crescita e con grandi potenzialità:

Vino da investimento

Il vino da investimento ha dimostrato di essere uno dei mercati alternativi più stabili e profittevoli degli ultimi 10 anni. Infatti, sempre più investitori spostano i propri capitali in questo mercato.

Scopri i rendimenti

Sono Massimo Barberi e ti presenterò il mercato che negli ultimi 10 anni ha registrato una crescita media annua del 10%.

0% di tasse sui rendimenti

Il vino è uno dei pochi investimenti al mondo non soggetto a tassazione sugli utili, poiché considerato un bene deteriorabile

Resistente ai crolli di mercato

A differenza dei mercati azionari, il vino ha sempre aumentato il suo valore nei periodi di forte crisi finanziaria

Diversificazione del capitale

Il vino da investimento è un bene tangibile scorrelato da tutti i mercati finanziari, per questo è uno strumento di diversificazione.

Vino da investimento: cosa devi sapere

Mercato maturo e pieno di opportunità

Il mercato del vino da investimento esiste da oltre 10 anni. Gli investitori professionisti hanno iniziato a considerarlo dopo aver notato la sua incredibile crescita costante. Non si tratta quindi di un mercato appena nato che può riservare spiacevoli sorprese, al contrario, è tutto ben consolidato.

I vini non sono tutti adatti all'investimento

Per ottenere profitti nel tempo non basta acquistare una qualsiasi bottiglia di vino pregiato. Molti vini pregiati sono costosi ma il loro prezzo è stabile ed è quindi impossibile riuscire a ricavare una plusvalenza. Quindi è opportuno saper identificare i vini che possono avere oscillazioni di prezzo.

Una buona conservazione è determinante

Il vino è un bene fisico deteriorabile, per tanto deve essere conservato in apposite cantine, dove temperatura, umidità e posizione della bottiglia seguono regole ben precise. Una conservazione non idonea potrebbe compromettere la qualità del vino, rovinando un processo di invecchiamento che dura anni o decenni.

Il prezzo è dettato da più fattori

Non è solo il tipo di vino a determinare il valore di una bottiglia. Bisogna considerare molti altri fattori, tra cui la scarsità della produzione in un determinato anno, la qualità dell'annata, il giudizio dei critici e il prestigio della cantina che lo produce. Trascurare questi fattori potrebbe portare a scegliere un vino sbagliato per l'investimento.

Scopri come investire in vino

Negli ultimi 15 anni alcuni vini hanno avuto rendimenti maggiori rispetto ai mercati azionari

Dal 2004 al dicembre 2018, investitori e collezionisti di vino hanno ottenuto rendimenti più alti rispetto a chi ha investito in borsa. Infatti, uno degli indici più importanti del mercato dei vini è cresciuto circa del 500%.

Grafico a cura di Vino da Investimento
Per consultare le quotazioni di altri grafici, visitare il sito di Liv-Ex
Burgundy 150: Indice che rappresenta i 150 vini più importanti della Borgogna (FR)

Un ulteriore beneficio del vino da investimento

In Italia, i rendimenti da investimenti finanziari sono soggetti a una tassa del 26% (Capital Gain), mentre i rendimenti del vino, essendo un bene deteriorabile, non sono soggetti ad alcuna tassazione.

Preferisco investire in vino che in azioni quotate in borsa: Il vino se proprio andasse male l'investimento me lo posso bere, con le azioni non ci posso fare niente!

Gianni Agnelli

Vino: uno degli investimenti più redditizi di sempre

Il vino ha tutte le carte in regola per diventare uno degli asset più remunerativi di sempre. Questa non è solo la mia opinione: il mercato del vino ha guadagnato l'attenzione di moltissimi investitori e importanti collezionisti.

Infatti, nel 2018 a New York, è stato registrato un prezzo record per la vendita di 2 bottiglie di vino pregiato: il Romanée Conti

Le bottiglie sono state battute all'asta, ai rispettivi prezzi di $496.000 e $558.000.

Vino: uno degli investimenti più stabili nel tempo

Questo mercato ha attratto molti investitori anche grazie alla sua stabilità. A tal proposito, molti professionisti hanno deciso di acquistare determinate bottiglie di vino pregiate per una buona diversificazione del portafoglio.

Al verificarsi di crisi finanziare, come quella del 2008, il mercato dei vini è sempre rimasto stabile e non ha subito alcun crollo.

L'aspetto sorprendente è che il vino si è rivelato ancor più stabile dell'oro.

Investire in un bene reale

Il vino d'annata, oltre ad essere un buon investimento, è soprattutto un oggetto da collezione. Infatti, investire in vino significa acquistare e conservare fisicamente bottiglie di vino, con la previsione di rivenderle in futuro a un prezzo più elevato.

Per godere di rendimenti importanti è opportuno saper aspettare, poiché la rivalutazione delle bottiglie è strettamente legata al loro invecchiamento.

Corso sul vino da investimento

Non è tutto oro quel che luccica

Investire in vino non è difficile, è opportuno però scegliere il giusto intermediario, che si occuperà di consigliare, comprare e rivendere il vino. 

Incappare in errori e truffe è facile, per questo avere le giuste conoscenze per valutare i consigli dell'intermediario è il punto di partenza per evitare spiacevoli sorprese. In particolare, dovrai assicurarti che:

Il vino consigliato appartenga a un'annata di qualità per quella determinata tipologia di vino
Le promesse dell'intermediario siano realistiche e basate su considerazioni oggettive
Il vino non venga conservato in un deposito controllato dall'intermediario stesso
Se posseduto in un deposito di terzi, il vino sia comunque registrato a tuo nome
L'intermediario goda di buona fama e che operi sul mercato da diversi anni

Fonti che parlano del vino da investimento:

Massimo Barberi

Wine Investor e fondatore di Vino da Investimento

Ho lasciato la mia biografia alla fine perché sicuramente è meno interessante del mercato del vino, ma ora è arrivato il momento di presentarsi.

Sono Massimo Barberi, investitore privato specializzato in investimenti alternativi. Oltre ad essere un appassionato e un intenditore di vini, negli ultimi 20 anni ho fuso questa passione con il mio lavoro.

Da circa 15 anni posso dire di essere quasi ed esclusivamente un "wine investor". Ho iniziato quasi per gioco, ma col tempo l'investimento in vino si è rivelato essere quello più soddisfacente e performante in termini di capitale impiegato.

Sono certo che il mercato dei vini è solamente all'inizio e che i prossimi anni saranno quelli che mi riserveranno le migliori soddisfazioni.

Domande?
info@vinodainvestimento.com

Approfondimenti sul vino da investimento

Valutazione vini da collezione: quali sono i fattori che incidono?
Vino toscano pregiato: scopriamolo da vicino
Cosa collezionare per guadagnare (e diversificare il proprio capitale)
Vino rosso costoso: su quale investire?
Vini da collezione: prezzi corretti e verificati
Vini pregiati italiani: dal piemonte alla toscana
Vino pregiato e critici
Dove vendere vino da collezione: le tre principali modalità
Vino da collezione: Formato e dimensioni delle bottiglie da acquistare
Quotazione vini: Liv-ex, la borsa del vino pregiato da investimento
Broker del vino: intermediari per investire nel vino
Investire nel vino: come farlo autonomamente
I principali vini pregiati da investimento
Chi investe in vino pregiato?
Investire in bottiglie di vino pregiate è esente da tasse
Scopri come il vino può trasformarsi in un'ottima opportunità di investimento.
Scopri come investire professionalmente in vino.
Guarda gratis 3 video lezioni
Ricevi gratis 3 video!Ottieni gratis 3 video lezioni!
filmcheck-square-ocheck-circlequote-leftcircle